lunedì 24 febbraio 2014

ESCE IL NUMERO DUE DEL NOSTRO MAGAZINE



Oggi Tiziano Cremonini mi ha inviato la versione completa del numero due (terzo in assoluto, visto che abbiamo anche il numero zero) del nostro magazine. Avevo già avuto modo di visionare le bozze ma poter rimirare la versione definitiva lascia un senso di vera soddisfazione. Al solito, debbo purtroppo ripetermi, il lavoro di Tiziano è non buono, ma superlativo, e dà lustro e consistenza all’insieme dei saggi che abbiamo deciso di inserire nel magazine.
La scelta non è stata facile: i nostri amici e collaboratori continuano a sfornare articoli con entusiasmo e sempre maggior competenza. Impossibile lasciar fuori certi pezzi, e dunque ecco che il magazine si è andato riempiendo sempre più, arrivando a sfiorare le cento pagine, un record che non ci saremmo mai sognati.
Dai magnifici saggi di Nico Gallo, presente con una incredibile storia delle ucronie (in origine apparsa come presentazione al romanzo di Giampietro Stocco “Nuovo mondo”, pubblicato da Cordero Editore) e con un corposo profilo del grande Robert Sheckley (uscito questo su Pulp Libri), alle puntuali recensioni di Fabio F.Centamore  e Arne Saknussem, all’eccezionale copertura del fantasy da parte di Stefano Sacchini, alla sezione cinematografica curata da Flavio Alunni, credo che non ci sia articolo che meritasse di rimanere fuori. E vogliamo parlare delle interviste al curatore di Urania Giuseppe Lippi e a Valerio Evangelisti?
Spero inoltre di fare cosa  gradita riprendendo alcuni miei vecchi saggi sulle tematiche principali della fantascienza: per questo numero ho scelto il pezzo sui robot, apparso come introduzione all’antologia Robotica delle Grandi Opere Nord. Penso che molti lettori di oggi non abbiano avuto occasione di leggerlo. Fatemi sapere se questi ripescaggi sono interessanti o meno…
Insomma, interviste, profili, articoli sulle ultime uscite…che vogliamo di più?
E invece, come è ormai abitudine, abbiamo inserito anche tre ottimi racconti italiani, belli e diversissimi tra loro. Giampietro Stocco dimostra ancora una volta di essere una delle voci più significative della fantascienza italiana con un pezzo che rinnova tematiche classiche con grande sapienza narrativa e con l’innesto di interessanti estrapolazioni tecnologiche. Maurizio Cometto ci commuove con malinconiche atmosfere torinesi in una storia di drammatici eventi personali al limite del soprannaturale, mentre Clelia Farris conferma la sua originalità con una magnifica parabola sull’esistenza umana.
Ringrazio ancora tutti gli amici (anche quelli che non ho citato ma che sono presenti nel sommario) che mi sono vicini nella realizzazione del blog e del magazine e vi lascio dunque ad una lettura spero gradita.
Ecco dunque i link per scaricare il magazine in alta definizione,http://www.tizianocremonini.net/un_sole_lontano/CDUSL_2_HiRes.pdf, e in bassa definizione,http://www.tizianocremonini.net/un_sole_lontano/CDUSL_2_LowRes.pdf.
Ricordo infine che potete trovare i numeri precedenti alla home page del sito web di Tiziano: www.tizianocremonini.net/un_sole_lontano/index.html.
Sandro Pergameno

11 commenti:

  1. Un enorme ringraziamento da parte mia come fruitore entusiasta di questa stupenda iniziativa!
    Avete tutto il mio sostegno e la mia ammirazione per il vostro impegno e la vostra dedizione.
    Fra qualche numero sarà tempo di "bilanci" ed in caso di numero di download significativo penserete mai ad una distribuzione cartacea "on-demand"? ;)
    Saluti

    Claudio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il sostegno, Claudio. Per ora è solo un'iniziativa molto amatoriale, e ho molti dubbi che si possa evolvere in altre forme. Per fare qualcosa di diverso, o di cartaceo, ci vuole un cambio di passo in termini di impegno economico e redazionale, e anche legale, che è al di fuori delle nostre attuali possibilità. A priori comunque non lo escludiamo. Sognare non costa nulla...

      Elimina
  2. Bellissimo, tutto.
    Sono invidioso della vostra capacità.
    Bravo Flavio, Stefano e gli altri
    Sandro e Tiziano superlativi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonello, ma senza il vostro supporto e la vostra amicizia (e l'affetto di tutti quelli che ci seguono) sarebbe tutto inutile.

      Elimina
  3. In effetti sognare per sognare non costa nulla!
    Intanto io, vista l'alta qualità della rivista e l'immenso piacere di averne una copia cartacea da riporre in libreria assieme al resto della SF in mio possesso; mi sono informato presso una legatoria qui di Trento.
    Con 0,06 € a pagina si può stampare in formato A4 in b/n; ovvero per la rivista da 96 pagine significa € 5,76, spillato.
    Decisamente non un prezzo eccessivo non credete? ;)
    Claudio

    RispondiElimina
  4. La riproposizione dei tuoi vecchi saggi sulle tematiche principali della fantascienza è cosa davvero graditissima !
    Ben fatti, interessanti ed offrono spunti per letture e riflessioni.
    Pubblicane altre Sandro !
    Nelle "Grandi Opere Nord", dopo "Robotica" ci stanno i 2 "Storie dallo spazio" , gli "Hugo" ed i "Mutanti"... e le tue introduzioni sono molto belle.
    Da riproporre !!

    RispondiElimina
  5. Solo due cose:
    1. La rivista è sempre più bella
    e
    2. I ripescaggi di vechi articoli sono graditissimi!
    Continuate così!

    RispondiElimina
  6. grazie. sarà fatto. nel prossimo numero troverete un altro dei miei vecchi saggi (magari quello sulla Terra del futuro, che mi sembra sempre un argomento assai interessante)

    RispondiElimina
  7. Un gran bel numero questo da gustare come un vino buono!!! Graditissima l'idea della pubblicazione del saggio sui robot del mitico Sandro. Mi è molto piaciuto il profilo d’autore su SHECKLEY (è un autore che ho sempre amato).E ovviamente un 10 e lode per tutto il Team a alla grafica e alle copertine: semplicemente perfette,"lussuose" direi :-) ! Grazie di esistere!

    RispondiElimina
  8. grazie a te. fa sempre piacere vedere che il nostro lavoro viene apprezzato. Per la grafica dobbiamo fare sempre le lodi al nostro Tiziano Cremonini, appassionato e vero amico.

    RispondiElimina